Recensione Sumup 3G: come funziona ed i suoi costi

Recensione Sumup 3G: come funziona ed i suoi costi

Pro: può essere utilizzare senza il bisogno di collegarsi ad uno smartphone grazie alla sim interna con piano dati incluso. Le commissioni sulle transazioni sono basse.

Contro: se lavorate in zone remote la connessione potrebbe risultare un pò lenta, mentre funziona molto bene nei centri urbani.

Ideale se: perfetto per chi ha una piccola attività, sia se si ha una sede fissa che se ci si sposta parecchio. Il fatto di non dipendere da uno smartphone lo rende molto versatile

La nostra valutazione

4/5

Oggi parliamo del SumUp 3G, un Pos Mobile molto pratico, leggero e facile da trasportare. Questo innovativo Pos è infatti un prodotto davvero interessante in quanto non ha costi fissi, è mobile e rappresenta quindi una scelta ideale anche per chi è abituato a spostarsi con la propria attività.

Si tratta di un dispositivo pensato per piccoli commercianti, imprese e professionisti. Questo piccolo e pratico Pos può rendere più facile accettare pagamenti telematici, senza che sia necessario disporre di particolari competenze informatiche e soprattutto senza nessun tipo di spesa di gestione.

Come funziona SumUp 3G

 

 SumUp modello 3G

 Costo: 99€ + IVA – Nessun Costo fisso
 Commissioni: 1.95% sulle transazioni
 Circuiti accettati:

     

Il segreto della flessibilità di questo strumento risiede nella scheda Sim, già installata al momento dell’acquisto. Questa consente all’utilizzatore di accettare pagamenti in qualunque luogo sia coperto da una normale rete internet.

Grazie a questo aspetto innovativo e comodo, con questo modello non sarà necessario utilizzare uno smartphone per accettare pagamenti digitali, con tutte le comodità e semplificazioni che ne conseguono. Nel caso in cui vi fossero però problemi di connessione, il dispositivo potrebbe comunque essere collegato alla rete del proprio smartphone.

A realizzare questo strumento è stata la celebre azienda tedesca SumUp, un marchio particolarmente noto, in grado di contraddistinguersi per la sua affidabilità nel settore. Un altro aspetto molto interessante è dato da fatto che il SumUp 3G può essere abbinato a qualsiasi conto corrente, sia professionale che aziendale, in modo da non richiedere l’apertura di un nuovo conto per l’accredito degli incassi.

Il processo di accredito può eventualmente anche essere “velocizzato” mediante la sottoscrizione della carta prepagata SumUp Card. Quest’ultima consente di ricevere gli incassi in un solo giorno lavorativo, anche nel fine settimana, ma rappresenta ovviamente un plus facoltativo. Diversamente gli incassi vengono comunque trasferiti sul conto dell’utilizzatore nel giro di due o tre giorni lavorativi.

L’utilizzo del dispositivo è davvero semplice e intuitivo, le transazioni sono effettuate in modo rapido sia in modalità contactless, sia utilizzando la classica fessura per l’inserimento delle carte. Una volta effettuato il pagamento, il Pos offre la possibilità di inviare al cliente la ricevuta via sms o via email, anche in questo caso in modo con pochi e semplici passaggi. L’invio tramite sms è comunque il metodo consigliato, in quanto in questo modo l’inserimento risulterà più veloce. Il SumUp 3G è anche molto leggero, facile da riporre all’interno di una borsa o di una tasca e funziona in modo totalmente autonomo.

A rendere facilissimo e intuitivo l’utilizzo di questo Pos sono il suo schermo tattile e i pulsanti con retroilluminazione integrata. Vediamo allora quali sono i costi e le commissioni, da contrapporre a un sistema di incasso digitale così efficace.

Costi e commissioni

Come visto in precedenza questo piccolo e compatto Pos 3G si presenta con un biglietto da visita molto interessante: non ha nessun canone mensile. A differenza della stragrande maggioranza dei Pos quindi necessità soltanto di una spesa per l’acquisto, fissata nel prezzo di 99 euro più Iva, e di una commissione sugli importi incassati dell’1,95%.

La mancanza di un canone mensile, di costi di manutenzione e di installazione non è assolutamente da sottovalutare. Una volta acquistato il prodotto, i costi sono infatti esclusivamente legati agli incassi percepiti. Ciò rende indubbiamente l’utilizzo di questo apparecchio molto più leggero. Degno di nota anche il fatto che la percentuale di commissione è relativamente bassa. Per fare un esempio, su un pagamento di 50 euro, la commissione sarà di 97 centesimi. Inoltre questo modello presenta ulteriori vantaggi:

  • la commissione applicata è la stessa per qualsiasi tipologia di carta e di circuito utilizzati dal cliente;
  • le spese di gestione sono sempre strettamente legate alle entrate e non rappresentano mai quindi un costo difficile da affrontare;
  • il traffico dati contenuto nella Sim è incluso nel prezzo;
  • se abbinato alla SumUp Card, questa consente di effettuare gratuitamente pagamenti online e su altri Pos, senza nessuna spesa di attivazione.

Caratteristiche del lettore e software di gestione

Questo strumento è perfettamente in grado di accettare pagamenti effettuati con carte con chip, a banda magnetica e contactless medianti tutti i principali circuiti.

Funziona infatti con carte MasterCard, Maestro, American Express, Visa, UnionPay, VPay, Diners e Discover. Così come sono ovviamente accettati tutti i bancomat del circuito Maestro. Da non sottovalutare assolutamente la possibilità di incassare i pagamenti con American Express. Questi infatti sono sempre più richiesti, grazie alle efficaci campagne marketing del Gruppo ma generalmente comportano per i commercianti spese maggiori, che in questo caso invece sono standardizzate.

Infine gli utilizzatori di questo Pos potranno usufruire anche dal pagamento effettuato con le piattaforme per smartphone e smart-watch, mediante i sistemi Apple Pay e Google Pay. Ai clienti che dispongono di una carta con sistema contactless verrà richiesto l’inserimento del codice solo per importi superiori ai 25 euro.

Molto utile è anche l’apporto offerto dalla Dashboard, ovvero dall’area contenente il profilo personale del possessore, sul sito del prodotto. Questa consentirà di tenere sotto controllo molti aspetti essenziali e avere accesso in modo rapido e semplice ai resoconti, necessari per il pagamento delle imposte. Questi saranno scaricabili in un attimo e potranno così essere immediatamente trasferibili ad un commercialista. Inoltre in quest’area possono essere create sezioni contenenti:

  • un account per ogni eventuale dipendente, in modo da gestire le loro prestazioni di vendita in modo semplice e intuitivo;
  • il catalogo dei prodotti in modo da ottimizzare e facilitare le vendite;
  • l’archivio delle ricevute inviate ai clienti via sms o mail.

Il software online di reportistica risulta così molto utile per la semplificazione e la gestione delle proprie vendite, grazie ad un portale curato e studiato in ogni minimo dettaglio.

SumUp 3G con stampante integrata

Per gli amanti della tradizione, recentemente è stata presentata anche la versione con stampante integrata. Quest’ultima ovviamente consente di presentare al cliente uno scontrino cartaceo.

Si tratta di una versione che può essere acquistata con un prezzo di 199 euro più iva, mentre anche in questo caso resta invariata la commissione dell’1,95%, applicata solo sulle vendite. Con l’acquisto del Pos con stampante integrata vengono forniti anche tre rotoli di carta. La sostituzione del “rotolino” può essere svolta in modo rapido ed estremamente semplice.

In questo caso l’utilizzatore può decidere se impostare la stampa automatica della ricevuta o lasciare la scelta con la versione “digitale” in base alle preferenze del cliente.

Questo modello presenta due vantaggi:

  • si ricarica automaticamente quando non è in uso, posizionandolo sul proprio supporto;
  • permette di fornire lo scontrino al cliente che lo desidera.

Il secondo aspetto non è da prendere “sotto gamba”, in quanto sono ancora molti i clienti che preferiscono ricevere il classico e tradizionale scontrino cartaceo. Molti infatti preferiscono conservare questi scontrini per un po’ di tempo, anche se in realtà la catalogazione digitale è molto più comoda. Come nel caso della versione senza stampante, il Pos può essere facilmente trasportato e non presenta nessun canone di gestione.

Differenze con il modello Air

Questi due strumenti differiscono in primis per il sistema di funzionamento: con la versione Air è infatti sempre necessario l’utilizzo abbinato dello smartphone con relativa App, mentre il 3G come abbiamo visto è perfettamente autonomo.

Occorre però valutare anche la zona in cui opera l’impresa che necessita il Pos. Può infatti capitare che alcune zone d’Italia siano maggiormente coperte da un determinato gestore telefonico. In quel caso uno smartphone abbinato con il modello Air e con il giusto gestore telefonico, potrebbe risultare più rapido del SumUp 3G nella connessione dati.

In ogni caso comunque il SumUp 3G dovrebbe appoggiarsi automaticamente al gestore che funziona in modo migliore nella zona. Resta comunque sempre la possibilità di abbinare anche il 3G alla connessione dati del proprio smartphone. Sotto questo aspetto il modello SumUp 3G è fortemente raccomandabile per clienti che lavorano in centri urbani raggiunti da una ottima copertura.

Da segnalare anche che il modello Air ha una batteria molto più performante e duratura, mentre il modello 3G deve essere ricaricato in media almeno una volta a settimana, o indicativamente ogni massimo 50 transazioni. Anche i tempi di accensione e connessione per il modello 3G sono leggermente più alti rispetto al modello Air. Infine il modello Air è appena più economico anche per l’acquisto. Entrambi i modelli offrono l’utilità di non avere contanti in mano e di ricevere direttamente gli accrediti sul conto corrente di riferimento.

I vantaggi del 3G rispetto al modello Air risiedono invece tutti nella semplicità. Evitare infatti di dover utilizzare il proprio smartphone significa ridurre i problemi legati alla batteria del telefono che si scarica più velocemente e gestire l’intero processo d’incasso con un unico dispositivo.

Scopri L’offerta SumUp 3G

La nostra valutazione

In conclusione il SumUp 3G è un modello di Pos eccezionale per chi desidera accettare pagamenti digitali in modo semplice e intuitivo. Ha il grande vantaggio di non dover essere abbinato ad uno smartphone per il funzionamento, una semplificazione che permette di massimizzare la resa di questo strumento. Il fatto che le commissioni siano legate soltanto alle entrate e che non vi siano altre spese di gestione lo rende perfetto per piccole attività, gestite in modo rapido e dinamico.

Il 3G trova infatti il suo ideale utilizzo in piccole imprese che gestiscono un quantitativo di pagamenti con carte e bancomat abbastanza ridotto. Un aspetto che non renderebbe sostenibili i costi fissi dei Pos con canone standard. Anche le piccole attività commerciali potranno così, grazie a questo strumento, permettersi di offrire un servizio in più ai propri clienti, usufruendo delle tante comodità offerte dal SumUp 3G. Uno strumento che è in assoluto uno dei più facili da utilizzare e che per questo è sicuramente destinato a farsi spazio nel mondo dei pagamenti digitali.

Lascia un commento